Calore per accumulo | AMB Ceramiche

Calore per accumulo

C’è chi preferisce programmare le ore di accensione e spegnimento del calore per evitare sprechi, noi abbiamo imparato da quella che è la storia e la tradizione dei luoghi freddi e del nord europa: l’accumulo di calore per rilasciarlo solo in maniera lenta, dolce e costante.

Se accendiamo e spegniamo come ci pare i nostri apparecchi, rischiamo di creare quell’ effetto che noi chiamiamo rozzamente “effetto automobile”. In inverno entriamo in auto che è fredda, consumiamo una grande quantità di energia per creare calore, lo forziamo con dei ventilatori per distribuirlo al meglio e velocemente, consumando e cosa vi ricaviamo? Tanta aria calda, si ma rimaniamo con i maglioni o le giacche e se ci fermiamo a fare la spesa, rientriamo nel nostro mezzo e sarà nuovamente freddo.

Perché in casa dobbiamo fare così? Non a caso le nostre costruzioni diventano sempre più isolate, ma se noi riusciamo ad accantonare l’ energia/calore prodotto durante una combustione e ne utilizziamo un po’ in modo costante io non farò mai raffreddare il mio ambiente; ci accorgeremo così di luoghi veramente caldi anche dopo numerose ore, magari un’ intera giornata lavorativa o più, il soffitto, le pareti ed i pavimenti dei nostri ambienti, saranno anche loro finalmente caldi e faranno davvero fatica a raffreddarsi.

Purtroppo la sensazione di calore rimane spesso un piacere di breve durata, poichè con un caminetto tradizionale o una stufa (se non costruiti dalla fabbrica per regolare la combustione ed avere delle lunghissime autonomie), l'ambiente si riscalda velocemente e si raffredda altrettanto velocemente appena si spegne il fuoco. Non sempre ventilatori e aggeggi elettronici ci aiutano ed a volte non fanno che aumentare le spese energetiche e di manutenzione. La piacevole temperatura di un focolare acceso è perciò di breve durata, a meno che la vostra stufa o caminetto accumuli calore al suo interno e lo rilasci piacevolmente dosato per molte ore nell'ambiente.

Quel calore accumulato viene rilasciato, protratto nel tempo e ben dosato, attraverso il rivestimento come calore radiante, mantenendo la temperatura piacevole per molte ore. La bassa temperatura delle superfici produce solo un esiguo circolo di aria e polvere: gli allergici possono trarre un respiro di sollievo.

Le stufe ed i caminetti ad accumulo, attraverso la loro ottimale emissione di calore, apportano un determinante valore aggiunto con un basso fabbisogno di legna. Nessuna meraviglia che questo principio termico abbia trovato già da lungo tempo la sua collocazione anche nelle abitazioni moderne di tutto il mondo.

La stufa d'accumulo è un focolare di ceramica o pietra naturale con annesso il giro fumi per recuperarne il loro calore. L'energia o il calore liberati dalla combustione della legna vengono assorbiti dagli accumulatori di ceramica. In seguito alla combustione della legna, gli accumulatori emanano nell'ambiente, fungendo da scambiatore di calore, l'energia accumulata nel tempo sotto forma di calore radiante ben dosato.

Le vere stufe d'accumulo devono essere conformi alla severa norma DIN EN 15250. Grazie ad un sistema di combustione discendente e ad un accumulatore di calore in ceramica o pietra ad alto rendimento, è sufficiente alimentare le stufe e i caminetti d'accumulo una sola volta con un carico completo di legna affinché queste riscaldino l'ambiente con tutta la loro potenza per tante ore. In questo modo non sarete costretti ad alimentarli in continuazione.

Video YouTube: