La corretta posa

La differenza tra l’affidarsi a numerosi che attaccano una stufa o un caminetto ad una parete con un buco e un lavoro A.M.B. sta nell’ analizzare profondamente ogni caso, ogni ambiente, ogni luogo, ogni esigenza e quindi procedere nel progettare insieme la soluzione ideale che verrà da noi finemente realizzata, installata, collaudata, assistita e mantenuta per far si che il lavoro eseguito risponda sempre ai requisiti più alti e del primo giorno di prova, permettendo che questo lavoro rimanga efficiente, gradevole e soprattutto sicuro nel tempo.

Tutto questo fa parte di una corretta posa e non solo una installazione o un collegamento “veloce”, oppure frutto di una tipica battuta “[…]ma io ne ho già installati, non preoccupatevi”. Per fare ciò non ci si improvvisa, occorre prima di tutto essere abilitati all’ art. 1 lett. C del D.M. 37/08, come è stato ribadito nel D.L. 28/11 e quindi conoscere in modo approfondito la materia, acquisendo esperienza.

L’ esperienza si fa sul campo e frequentando numerosi corsi formativi e di aggiornamento delle aziende trattate, delle associazioni di categoria come A.N.F.U.S. e Confartigianato, ma non solo.

Tutto ciò non è una mera speculazione, ma il frutto di una convinzione che, se un tempo era solo di pochi, ora è richiesta dalla Comunità Europea e dallo Stato Italiano, soprattutto per garantire la SICUREZZA dei propri cittadini.

Per questo motivo da sempre puntiamo i piedi su una posa corretta, perché dia calore e sicurezza e non rischi, timori o potenziali dispiaceri. Anche qui la corretta posa non è frutto di un procedimento standardizzato, ma deve rispondere in modo diverso ad ogni caso, ad ogni casa, ad ogni esigenza. Non a caso intendiamo calibrare la scelte degli apparecchi con la scelta dei materiali di posa, tutti certificati.

Non è corretto rispondere “ho sempre fatto così”, “è un lavoro semplice”, “non mi è mai successo niente”: sono ancora troppi gli incidenti e gli incendi, siamo umani con i nostri vizi e le nostre virtù ed un limite alla perfezione si può sempre verificare, ma un professionista si contraddistingue per i riconoscimenti, la formazione continua e costante, così come per gli aggiornamenti e la conoscenza profonda delle leggi e delle normative di riferimento, così della UNI 10683, come la normativa UNI 7129, la UNI-EN 1443, la UNI-EN 13384 e tante altre ancora.

Canna fumaria, presa d’ aria esterna, sicurezza dei materiali e degli ambienti, applicazione delle norme e dell’ esperienza e così via: tutto concorre nel darvi delle garanzie certe per prenderci le nostre responsabilità e restituirvi lunghe ore di piacere e di calore sicuro e sano.