Seminario per l’ utilizzo di stufe e camini negli edifici a basso consumo energetico

59 persone, in gran parte progettisti, ma anche privati, segherie, costruttori edili ed idraulici hanno dedicata una giornata intera a quella che si suol dire una vera e propria esperienza formativa.
Noi dell’ A.M.B. siamo davvero felici di aver potuto condividere con queste persone ricche di umanità, gioia, voglia di migliorarsi, pronte a sfidare le opportunità che il futuro ci presenterà 9 ore dense di passione! Progettisti che son saliti verso l’ eremo di Pian Munè con la sola voglia di imparare e condividere esperienze, non solo per ottenere facili punteggi di carriera. La partecipazione è stata numerosa, ma vera…lungo tutta la giornata lo scambio di idee, progetti sogni, la curiosità, la voglia condivisione di pensieri e la discussione utile alla comprensione hanno fatto da sovrane. Respirando questo clima, noi dell’ A.M.B. siamo orgogliosi di quanto abbiamo organizzato e siamo certi di aver reso un servizio utile ai nostri collaboratori, ai clienti attuali, a quelli futuri, ma soprattutto alle prossime generazioni, in modo sostenibile.

Chi ha partecipato ha potuto comprendere di cosa tratta l’ ag. Casa Clima, non solo case prefabbricate in legno, soprattutto sul territorio regionale, incentivando uno stile di costruzioni utile a migliorare le condizioni di vita della committenza, facendo del bene alla natura, presentando numerosi dati di edifici che esistono sul territorio saluzzese. Quindi l’ attesissimo intervento del dott. Gunther Gantioler ha mostrato come è possibile costruire edifici pressoché passivi, dove l’ inserimento di una semplice stufa o caminetto possono fornire quella misera energia necessaria, soprattutto quando gli edifici sono nei paesi delle nostre province o in ambienti rurali, confrontandolo con un vero e proprio protocollo di costruzione denominato “Casa Stufa” e con altri dati oggettivi di costruzioni realizzate in tal senso. A seguire l’ ing. Samuele Giacometti, che con il suo solito carisma ha mostrato come lui stesso sia un esempio vivente di persona che vive in una sorta di “Casa Stufa”, la quale fa del bene alla natura non solo per il basso consumo energetiche, ma perché è stata costruita interamente con legname locale. La sua meticolosità ha mostrato come e con quanti kg di legna, può scaldarsi certificando una temperatura media di 21° C, cuocere contemporaneamente pane, pizza, polenta, pasta….infine ha dimostrato come con un buon prodotto quale la sua cucina Pertinger, collegata ad un ottimo impianto può inquinare poco, calcolandone i kg di cenere prodotti in una stagione ed i grammi di fuliggine a seguito dell’ intervento dello spazzacamino

La giornata è via via proseguita con la fondamentale relazione del dott. Piero Bonello, coordinatore delle attività al CTI per la creazione della normativa di posa UNI 10683, mostrando al pubblico perchè esiste questa norma e cosa richiede in termini di progetto e realizzazione. A questo punto si è scesi nel pratico, mostrando il servizio AMB, che parte dall’ incontro in sala mostra, passando per la consulenza, il progetto, la realizzazione, il collaudo ed accensione, sino all’ assistenza, manutenzione e servizio spazzacamino, senza necessità di personale esterno.

Quindi, grazie all’ indispensabile intervento del nostro fornitore N&N Alpfire, abbiamo avuto modo di mostrare quanto di più all’ avanguardia possiamo offrire: canne fumarie Beckman efficienti, sicure, leggere che sanno rispettare le esigenze estetiche di progetto. I prodotti Brunner, con il più ampio catalogo di soluzioni a disposizione, dal focolare per caminetto ai sistemiper caminetti e stufe ad accumulo in grado di migliorare il piacere del rilascio del calore per lunghe ore, anche a fiamma spenta, riducendo le quantità di combustibile. Sino alla vastità dei prodotti termo, in grado di scegliere se scaldare l’ acqua per l’impianto termico e sanitario o l’ ambiente, le tendine brevettate “heat stop” che evitano di surriscaldare gli ambienti per case ad alta efficienza distribuendo meglio il calore all’ impianto termico od al sistema ad accumulo. Infine le valvole di sicurezza in caso si rischino emissioni di monossido di carbonio a causa delle stufe in case dotate di VMC (ventilazione meccanica controllata).

Infine la presentazione di progetti locali già realizzati da noi stessi all’ interno dei progetti di alcuni architetti legati all’ agenzia Casa Clima di Bolzano.

L’ appassionante e prosperoso mondo legato alla filiera del legno locale in cui il determinato e determinante arch. Andrea Ferretti ha coinvolto con anima e corpo se stesso e noi altri, che non risulta più utopia, grazie alla creazione della rete d’ imprese 12 to many pinerolese e la dimostrazione di attività eseguite in cui gli scarti di prodotto del legname da costruzione viene utilizzato come unico riscaldamento degli edifici nelle soluzioni da noi realizzate.

Quindi il passaggio dalla prima Casa Clima certificata in Piemonte alle stesse con l’ inserimento di stufe e camini, con la meticolosa attenzione alle soluzioni di passaggio a tetto per le canne fumarie da noi stessi realizzate, grazie al preciso e stimolante intervento del pioneristico arch. Gianpiero Cavallo.

Infine l’ appassionato e solare arch. Dario Costamagna ha mostrato come anche nelle seconde case è possibile utilizzare materiali naturali e sfruttare le energie che la natura ci offre per avere ambienti costantemente gradevoli, senza dissipare sforzi e costi, muovendo dei seri interrogativi utili a spronarci ad organizzare un secondo seminario, come richiesto da tutti gli altri relatori e da buona parte del pubblico.

Siamo felici e crediamo che questo non sia altro che un primissimo passo verso un nuovo inizio, convinti che la storia dell’ uomo passa attraverso il fuoco di legno, il quale ha sempre saputo essere tradizione ed innovazione, suggestione e passione.